Associazione Italiana Cavalieri Endurance

Un bel casino(era ora)

IMG_3490

 

 

In data odierna la Fei ha sospeso la federazione nazionale degli Emirati Arabi Uniti.
Questo un breve estratto :
“il bureau della Fei ha sospeso la federazione nazionale degli Emirati Arabi Uniti per un periodo indeterminato a seguito delle indagini della Fei sui problemi del benessere dei cavalli e sulla non conformità con il regolamento Fei nella disciplina dell’endurance.
La decisione è stata presa dal Bureau, presieduto dal Presidente Fei De Vos, all’unanimità.
Sotto i termini della sospensione, che ha effetto immediato , la federazione nazionale Uae non può partecipare o essere rappresentata a nessun incontro di nessun organismo Fei, non può organizzare nessun evento internazionale e i suoi membri non possono partecipare a nessun evento internazionale. Comunque , il Bureau ha deciso che gli atleti Uae, di discipline che non siano l’endurance ,possano competere sotto la bandiera della Fei in competizioni internazionali organizzate al di fuori degli Emirati Arabi Uniti. ……..”
A dir poco sconcertante la decisione presa, ma sicuramente non inaspettata a seguito degli ultimi avvenimenti: cavalli morti, gare false, periodi di riposo non rispettati, …….
Questo non è l’Endurance vero, quello che ho fatto io per anni e quello che tanti amici in Italia e non stanno ancora cercando di fare. Questo non è l’Endurance del binomio, non è l’Endurance degli allenamenti, della fatica, delle lacrime e della gioia nel rispetto delle regole e dei cavalli. Questo è l’Endurance del massacro e delle truffe, dei 30 km/h e dei trattamenti durante le gare, delle gare fittizie e dei veterinari compiacenti che a malapena appoggiano il fonendo ai cavalli……
Forse è il momento di fermarci tutti un attimo a pensare e recuperare, se possibile e tutti insieme, quel che rimane di questa meravigliosa disciplina, prima che una gestione scellerata ce la distrugga del tutto.
Patrizia Giacchero .

Share Button

Articoli correlati:

Progetto ANICA GIOVANI 2013: aperte le selezioni
Anonima e giusta e utile richiesta?
Fuori dalle palle

8 Responses to “Un bel casino(era ora)”

  1. Redazione ha detto:

    Que sanción le aplicó FEI a Francia con los 8 caballos que murieron en el Mundial de Sartilly y los Jinetes gravemente lesionados????????? Que alguien me explique.

  2. Redazione ha detto:

    in effetti molta ipocrisia si e’sprecata e si spreca spesso molte nazioni sono state conniventi quando non attori in prima persona nel condurre l’endurance a tutto cio’.I francesi forse hanno qualche responsabilita’in piu’,loro buona parte dei cavalli venduti loro i trainer gli allenatori e i veterinari che hanno fatto crescere negli emirati l’endurance in questo modo o comunque il tutto gli e’scappato dalle mani e si e’creato un mostro

  3. Redazione ha detto:

    scusate ora mi lapiderete ma eliminandoli pensate che certe cose non succedano più ? Anzi cosa impiegano per crearsi una loro federazione con proprie regole …. La cosa più giusta era semplicemente sanzionare o sospendere veterinari giudici compiacenti , cavaliere e relativa scuderia per una stagione intera

  4. Redazione ha detto:

    non credo vengano eliminati non sarebbe sicuramente corretto politicamente ed economicamente (diciamola come e’)Non penso possano fare federazione propria ,correrebbero da soli e solo da loro e anche questo sarebbe economicamente e politicamente un assurdo ,la FEI impedirebbe poi qualsiasi partecipazione a fantini e cavalli di tutte le altre nazioni .Quindi a questo punto si siederanno intorno ad un tavolo per rimodulare i comportamenti da tenere in gara e in allenamento(spero )anche perche’se ne muore o si rompe in gara un cavallo mi chiedo quanti siano quelli che saltano in preparazione.Cosi’non si puo’comunque andare avanti ,un certo comportamento (oltretutto vincente nelle competizioni)porta all’ emulazione e quindi a un corrompere anche ambienti puliti,.Per finire le indagini della FEI dovrebbero essere estese anche a propri soggetti non atleti presenti alle gare e sanzionare comportamenti allegri e compiacenti avvenuti in gara altrimenti non cambiera’nulla .La croce di questo endurance non va caricata solo sulle spalle degli emirati ma anche su altri e non sono pochi

  5. Redazione ha detto:

    Per finire le indagini della FEI dovrebbero essere estese anche a propri soggetti non atleti presenti alle gare e sanzionare comportamenti allegri e compiacenti avvenuti in gara ”
    Ecco il punto si doveva cominciare da quello

  6. Redazione ha detto:

    Qualcuno e’convinto di potercela dare a bere facilmente per l’ennesima volta ,lapideranno chi?se dico che un “mea culpa ” sarebbe auspicabile anche dalle autorita’preposte allo svolgimento regolare delle gare e intendo Federazioni nazionali e internazionali

  7. Redazione ha detto:

    Speriamo sia il Rinascimento dell’Endurance, dopo il medio Evo in cui eravamo finiti.

  8. Redazione ha detto:

    Finalmente!!!!!!!

Leave a Reply

Copyright Freendurance © - Realizzato da ABWebdesign - Privacy Policy